Testatina
Giacca "Jangger" Huber (uomo)
€ 159,00
€ 135,00

Splendida rivisitazione di Jangger in pura lana. Originariamente realizzato nel solo colore nero, oggi viene prodotto an...

Törggelen in Alto Adige

Autunno goloso con mosto e castagne

L’autunno è una stagione interamente da scoprire, specie in Alto Adige, dove l’avvio della raccolta nei campi, nei frutteti e nei vigneti, da il via a una ricchissima tradizione di feste e sagre legate al raccolto. Lo splendore di un ambiente che muta rapidamente i colori brillanti e solari dell’estate per tingersi dei toni policromi e malinconici dell’autunno, provoca una vera e propria febbre settembrina che sfocia fino a novembre, in uno dei più popolari dei riti conviviali altoatesini: il Törggelen.



Il termine viene fatto derivare sia dal latino "torquere" che significa torcere, pressare, e si riferisce alla pressatura del mosto dopo la vendemmia, sia dalla parola “Torculum”, torchio, l’antico strumento per la pigiatura dell’uva da cui si ottiene il mosto: Il vino nuovo, detto anche, "Nuie", il nuovo, dal basso contenuto di alcol e dall’alta concentrazione zuccherina, diventava, ieri come oggi, l’oggetto di un allegro pellegrinaggio da cantina a cantina, da maso a maso, per assaggiare e confrontare il migliore. Nell’occasione si dava naturalmente fondo a robuste merende a base di Speck, pane nero e frutti di stagione.



Il più apprezzato era, naturalmente, la castagna, (più raro il marrone) che univa al piacere di assaggiare il mosto fresco quello di scartare le caldarroste in un’atmosfera di conviviale allegria. Negli ultimi decenni usanza di queste “castagnate” tra amici, ha decisamente varcato i confini delle case e delle Stuben private per contagiare le osterie e i ristoranti. Al successo di queste feste ha contribuito anche la riscoperta, all’inizio degli anni 70, dell’antica tradizione tirolese dei Buschenschänke che si sono presto scoperti luoghi ideali per il Torggelen.
Diffusa ormai un po’ ovunque, la tradizione del Torggelen, è particolarmente radicata soprattutto in Val D’Isarco che a questo rito dedica testoBoldAzz, mostre e molte altre iniziative. La vicinanza con il confine austriaco ha favorito la passione degli austriaci per questo genere di incontro conviviale. Lungo le pendici della valle sono inoltre presenti numerose cantine private e Buschenschänke specializzati. I boschi che si spingono quasi fino al fondovalle sono infatti ricchi di castagni di cui particolarmente apprezzati sono i frutti di Velturno e Barbiano.
La tradizione delle castagne è rinomata anche nella zona di Tesimo che dedica loro una settimana gastronomica. Anche nel comune di Laives, e in particolare sulle pendici della Costa Sait, si raccolgono ottime le castagne servite in vari locali che praticano il Torggelen.

Per i più golosi suggeriamo: frittelle di castagne, gnocchi di castagne con salsa di formaggio caprino, zuppa di castagne con maggiorana e tartina di castagne con frutta di stagione.


Testi: Angelo Carrillo, Casanova; foto: Battocletti, Casanova.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Parka Wudele (uomo)

€ 669,00
€ 535,00

Senape Bio di mela dolce - Luggin

€ 5,85

Mulino elettrico per cereali - Waldner SINGLE

€ 329,00
€ 303,00